Spese di spedizione gratuite per ordini superiori ai 99 €

Categorie

  • Categorie
  • Alimenti e dietetici
  • Altro
  • Articoli sanitari
  • Bambini e neonati
  • Dermocosmesi
  • Farmaci da banco
  • Galenica
  • Igiene e benessere
  • Integratori e fitoterapia
  • Omeopatia e medicina naturale
  • Veterinaria
0
Problemi di infertilità? Scopriamo assieme cause e rimedi

Problemi di infertilità? Scopriamo assieme cause e rimedi

20 Novembre 2017 Commenti: 0

Si parla di infertilità quando una coppia, dopo almeno un anno di rapporti regolari e non protetti, non riesce a concepire una gravidanza. Invece, una coppia che ha già avuto figli ma non riesce a concepirne altri, si dice affetta da infertilità secondaria.

L’infertilità può essere maschile e femminile e le sue cause sono varie e di diversa natura. Sulle cause più comuni è possibile intervenire con la prevenzione, l’informazione, diagnosi precoci e terapie mirate. Molto spesso l’infertilità è dovuta a fenomeni complessi come lo stile di vita, la ricerca del primo figlio in età tardiva (in particolare per la donna), l’uso di droghe e l’abuso di alcool, il fumo, le condizioni lavorative, l’eccesso di esercizio fisico, peso eccessivo o insufficiente, terapie farmacologiche, malattie genetiche ecc..

Infertilità femminile
La maggior parte dei casi di sterilità femminile deriva da problemi ovulatori che possono essere causati, principalmente, da:

  • età, fattore da cui dipendono la riserva ovarica (quantità di ovuli ancora a disposizione), la qualità dell’ovulo, la quantità di muco cervicale presente e la facilità di impianto in utero,
  • menopausa precoce, situazione in cui le ovaie smettono di funzionare prima della normale età in cui dovrebbe iniziare la menopausa,
  • sindrome dell’ovaio policistico (PCOS), condizione in cui le ovaie non rilasciano regolarmente l’ovulo oppure non producono un ovulo sano e vitale. Nelle donne con questa sindrome l’utero potrebbe non essere pronto ad accogliere l’ovulo sano e fecondato, causando quindi la sterilità,
  • disturbi endocrini.

Infertilità maschile
Per essere fertile, il liquido seminale (sperma) di un uomo deve essere in grado di raggiungere l’ovulo e fecondarlo. Per far ciò si devono verificare alcune specifiche condizioni:

  • l'uomo deve essere in grado di avere una erezione e deve riuscire a mantenerla,
  • la produzione di spermatozoi deve essere in quantità sufficiente per poter fecondare l'ovulo,
  • il liquido seminale deve essere in quantità sufficiente per consentire agli spermatozoi di raggiungere l’ovulo,
  • gli spermatozoi devono essere funzionanti e muoversi nel modo giusto.

Un problema relativo anche solo ad una di queste condizioni contribuisce a causare l’infertilità.

Terapia dell'infertilità (sia femminile che maschile)
Viene redatta dal medico specialista e può includere farmaci e/o integratori. Essi si dividono in vari gruppi:
- inibitori della prolattina
- danazolo
- clomifene
- gonadotropine follicolo stimolanti
- gonadotropina corionica
- analoghi del GnRh
- antagonisti del GnRh
- progesterone e progestinici
- diuvanti naturali (es. coenzima Q10, arginina, carnitina, acido folico, inositolo ecc…).

I principali prodotti usati in questa terapia sono: Gonal, Puregon, Meropur, Pergoveris, Fostimon, Clomid, Luveris, Suprefact, Decapeptyl, Cetrotide, Ovitrelle, Gonasi, Folidex, Inofolic, FT500, Prontogest, Prometrium, Orgalutran, ecc..

Alcuni di questi farmaci sono rimborsabili dal Sistema Sanitario Nazionale (alcuni solo se accompagnati dal piano terapeutico rilasciato dallo specialista) e prescrivibili dal proprio medico di base.
Per avere maggiori informazioni in merito ai prodotti utili potete consultare gli specialisti di Ziliotti Group.

Abbiamo selezionato per voi una serie di prodotti che possono aiutarvi in tal senso: https://ziliottigroup.it/infertilita17

ATTENZIONE: Queste informazioni hanno il solo scopo informativo, non vanno in nessun modo a sostituire una diagnosi o un parere medico. Si raccomanda pertanto di rivolgersi per qualisiasi tipo di indicazione al proprio medico curante oppure ad uno specialista del settore.

Commenti

Lascia un commento

Assicurati di inserire i campi obbligatori contrassegnati con (*)